Parma Cittā delle Muse
Index
 
Progetti
Teatro Farnese
Efsa
Padiglione Nervi
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Teatro Farnese
 
 
L'idea che ha dato origine al progetto sul Teatro Farnese è quella di mettere a disposizione dei visitatori risorse informatiche per la realtà aumentata che permettano loro di avere un'esperienza più profonda durante la visita del Teatro Farnese di Parma attraverso una tecnologia in grado di aumentare sensibilmente la visione dell'ambiente del teatro.
 
Indossando un visore Gear VR (un oggetto simile ad un grande paio di occhiali) i visitatori fruiscono di una narrativa realizzata in realtà virtuale e di una visione immersiva delle collezioni dei Farnese oggi sparse nei musei di Napoli e Roma: l'obiettivo del progetto è quindi quello di dar la possibilità di ritrovare tutta la collezione all'interno del teatro, creando un nuovo allestimento "virtuale". Il lavoro di catalogazione delle opere e della loro "messa in scena" crea un connubio tra la prassi educativa e la realtà immersiva, in linea con esperimenti analoghi che hanno condotto altri musei del mondo.
Per il progetto pilota i device per la realtà virtuale sono resi disponibili direttamente all'interno del Teatro Farnese e, attraverso essi, l'utente può accedere al medesimo spazio fisico virtualizzato, ma nello stesso tempo e in modo completamente nuovo, ha la possibilità di ammirare il nuovo allestimento di tutta la collezione Farnese grazie all'inserimento di layer virtuali supplementari.
Muovendosi all'interno del teatro virtualizzato, l'utente, nell'osservare la collezione, può inoltre accedere a tutta una serie di informazioni aggiuntive che possono essere visuali (foto e video), sonore (voce narrante o musica) e testuali (testi descrittivi).
Le due dimensioni riferite alla realtà ordinaria e a quella virtuale operano simultaneamente nell'intento di aumentare il grado di percezione dello spazio e di tutto quello che in esso viene rappresentato. Lo stesso livello di percezione sonora avanzata viene realizzata attraverso l'implementazione di metodi di riproduzione binaurale, in modo da ottenere un ascolto immersivo delle sonorità collegate alle immagini. Il sistema consente inoltre di effettuare degli switch della realtà virtuale selezionando la visualizzazione di nuovi spazi de-localizzati, all'intero dei quali saranno realizzate altre installazioni visivo-sonore.
 
Progetto a lungo termine
L'obiettivo ultimo di questo progetto è quello di ampliare le possibilità di utilizzo dei device per la realtà virtuale immersiva dall'entertainment ad un ambito più propriamente culturale e accademico legato al mondo museale e storico.
Il numero di musei al mondo è di circa 55.000, distribuiti in 202 nazioni, di cui solo i primi venti - fra i più frequentati al mondo - raccolgono circa 82 milioni di visitatori l'anno. Si tratta di dare accessibilità a tali luoghi a un livello superiore di utenza; si tratta di far conoscere ed esplorare questi spazi museali a chiunque, indipendentemente dal luogo nel quale ognuno di noi risiede, favorendo anche coloro che per difficoltà oggettive non hanno possibilità di viaggiare.
Questo uso innovativo della tecnologia apre a nuove possibilità di visitare edifici storici e museali tramite l'esperienza della virtualizzazione immersiva, una tecnica in grado di valorizzare qualsiasi luogo museale e sito storico al mondo.
La virtualizzazione immersiva dello spazio porterà ad un'esperienza assolutamente realistica, consentendo altresì una più vasta conoscenza dei luoghi e delle collezioni museali, inclusa la possibilità di osservare nei minimi dettagli le opere d'arte e le architetture museali grazie alla ricostruzione di modelli virtuali e alle tecniche di restituzione delle immagini ad alta risoluzione.
Sarà inoltre possibile realizzare contenuti interattivi in grado di guidare il visitatore all'interno di questi "spazi virtuali", consentendogli non solo di rivivere i luoghi, ma anche di definire percorsi personalizzati, in modo da ottenere maggiori informazioni (foto, video, descrizioni) rispetto ad una visita di tipo tradizionale.
L'aggiornamento delle collezioni, delle immagini e delle architetture museali potrà essere effettuato remotamente e in real-time attraverso il rilascio dei contenuti applicativi tramite infrastruttura cloud. Questo tipo di approccio basato su tecnologie app consentirà a qualsiasi cittadino di poter installare un semplice applicativo e, attraverso esso, poter rivivere un universo completamente immersivo, in cui le opere d'arte e gli eventi storici potranno essere ambientati là dove sono stati realmente vissuti.
 
 
CON IL PATROCINIO DI
 
 
 
 
 
 
 
CON IL CONTRIBUTO DI
 
 
 
MAIN PARTNER
 
 
 
PARTNER
 
 
 
TECHNOLOGICAL PARTNER